Curcumina: meccanismo, usi medicinali e benefici per la salute

Cos’è la curcumina?

La curcumina è uno dei componenti attivi della popolare curcuma sud asiatica (una sostanza naturale disponibile in polvere di curry). Botanicamente, è un membro della famiglia di zenzero. La struttura chimica di questo principale composto di curcuma può esistere in diverse forme. Contiene gruppi fenolici nella sua struttura ed è responsabile del colore giallo brillante della curcuma.

La curcumina è l’ingrediente fitochimico più ampiamente studiato nella scienza moderna. Negli ultimi tre decenni, centinaia di studi hanno fatto per valutare i suoi benefici medicinali. In molti studi, è dimostrato che possiede vari benefici medicinali e salutistici, tra cui analgesici, antinfiammatori, antiartritici, antiossidanti, antidiabetici, anti-aterosclerosi, antitumorali e antiamyloidi. I ricercatori citano spesso questo potenziale fitonutriente come un ripetitore del sistema immunitario naturale e un agente preventivo contro innumerevoli malattie.

Come funziona la curcumina nel corpo?

Come molti altri potenziali ingredienti medicinali, l’esatto meccanismo d’azione della curcumina è ancora sconosciuto. Tuttavia, sono stati effettuati diversi studi in corso per scoprire come funziona effettivamente. Uno studio in corso ha rivelato che la curcumina funziona come un disciplinare nel corpo. Secondo i risultati dello studio, quando la curcumina entra nelle membrane cellulari, aiuta a organizzarle in modo più ordinato. Si ritiene che questo cambiamento di movimento migliori la resistenza delle cellule contro l’infezione e la malignità.

Sebbene non sia stata fornita alcuna spiegazione specifica sull’attività della curcumina, molti scienziati hanno ritenuto che potesse svolgere la propria attività di promozione della salute interagendo direttamente con le proteine della membrana. Tuttavia, i risultati dei ricercatori non erano d’accordo con il pensiero di cui sopra. Hanno riferito che la curcumina modifica le proprietà fisiche delle membrane cellulari e questo cambiamento indirettamente controlla l’attività delle proteine di membrana.

Usi medicinali e benefici per la salute

Curcumina per dolore

La curcumina può aiutare progressivamente ad alleviare il dolore. A differenza dei farmaci analgesici, non neutralizza la sensazione di dolore solo per poche ore. Invece, gradualmente aiuta il corpo a ritornare in un livello tollerabile. Il meccanismo dell’attività della curcumina è anche diverso rispetto ai farmaci. Mentre le droghe sintetiche lavorano su un singolo percorso di infiammazione, la curcumina ha riferito di lavorare su molteplici vie che producono l’infiammazione.

Negli studi clinici, anche la curcumina si è dimostrata un potenziale agente antiartritico. È dimostrato che migliora la mobilità nei pazienti con osteoartrite. Uno studio clinico sul confronto tra efficacia e sicurezza tra curcumina e ibuprofene (un farmaco farmaceutico per pazienti con artrite e artrosi) per alleviare il dolore ha riportato che la curcumina è riuscita a migliorare la mobilità e alleviare il dolore quasi come l’ibuprofene senza provocare acidità gastrica. Lo studio ha preso centosette volontari con osteoartrosi del ginocchio.

Curcumina per trattare il cancro

Studi scientifici hanno rivelato che la curcumina può fermare l’iniziazione e rallentare la progressione delle cellule tumorali nel nostro corpo. Sebbene non sia stato condotto alcun test umano per valutare l’efficacia, ma i risultati di studi su animali e provini hanno suggerito che la curcumina potrebbe essere un ingrediente con un’importanza significativa nella prevenzione o nel trattamento di diversi tipi di cancro, inclusi cervello, pelle, seno, sangue e prostata cancro. Inoltre, molti ricercatori ritengono che l’assunzione giornaliera di curcumina possa aiutare a prevenire la crescita del cancro nel nostro corpo.

I corpi umani hanno una naturale capacità di uccidere o distruggere le cellule cancerose attraverso l’azione dei geni che distruggono i tumori. Tuttavia, durante tutta la vita di un essere umano, la capacità di questi geni viene spesso ridotta dai fattori ambientali e dall’invecchiamento. Di conseguenza, aumentano le probabilità di crescita delle cellule tumorali. Nella chemioterapia vengono uccise sia le cellule cancerose che quelle normali. Per fermare questo effetto collaterale (a volte fatale), gli scienziati stanno ricercando da più di due decenni per sviluppare un agente chemioterapico migliore con il quale possono solo uccidere le cellule tumorali senza danneggiare le cellule sane.

L’esito dello studio ha descritto che la curcumina ha la capacità di differenziare tra cellule sane cancerose e non cancerose. Più interessante, secondo il documento di studio, è stato anche in grado di creare l’apoptosi (morte cellulare) solo nelle cellule tumorali. Tuttavia, ulteriori ricerche sono ancora in corso su questo fatto.

Curcumina per malattie cardiache

A causa delle potenziali proprietà antiossidanti e antinfiammatorie della curcumina, molti dei primi ricercatori la predissero come un ingrediente promettente in diverse malattie cardiache. Inoltre, poiché la curcumina impedisce alle piastrine di aggregarsi, si ritiene che inibisca la formazione di coaguli di sangue nelle arterie. Sorprendentemente, negli ultimi anni, la previsione si è avverata.

Uno studio sta ora suggerendo che la somministrazione di curcumina a lungo termine può efficacemente aiutare a prevenire l’aterosclerosi abbassando il plasma e il colesterolo epatico. Lo studio ha confrontato l’effetto di abbassamento del colesterolo della curcumina con la lovastatina sintetica (un farmaco antipertensivo utilizzato per ridurre il rischio di malattie cardiovascolari). Secondo i risultati dello studio, è stato dimostrato di abbassare il livello di colesterolo quasi altrettanto efficace di lovastatina.

Un grammo di pillole di curcumina è stato somministrato quattro volte in un giorno, 3 giorni prima e 5 giorni dopo l’operazione di bypass. Il risultato dello studio ha evidenziato che il 65% dei pazienti presentava un rischio inferiore rispetto agli attacchi di cuore post-chirurgici.

Curcumina per il diabete

La curcumina è un richiamo naturale del sistema immunitario e un protettore delle nostre cellule. È anche un potenziale ingrediente contro il diabete. I ricercatori ritengono che aiuti a ripristinare le cellule pancreatiche danneggiate (cellule responsabili della produzione di insulina nel nostro corpo). L’assunzione giornaliera di integratori di curcumina può fornire una migliore risposta insulinica e una diminuzione della glicemia nei pazienti con diabete mellito di tipo 2.

Diverse ricerche recenti hanno indicato che la curcumina può funzionare come un ingrediente vitale per la prevenzione del diabete mellito di tipo 2. Uno studio clinico (randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo) ha coinvolto 240 volontari tailandesi con prediabete che sono stati scelti a caso per consumare integratori di curcumina o placebo per nove mesi. Secondo il risultato dello studio, il 16,4% dei volontari del gruppo placebo ha sviluppato diabete mellito di tipo 2, mentre nessuno è stato trovato a sviluppare il diabete nel gruppo trattato con la curcumina. Inoltre, i volontari del gruppo curcumina hanno anche mostrato una migliore performance delle cellule beta pancreatiche.

Un altro studio sperimentale svolto per confrontare l’efficacia della curcumina con il composto farmaceutico rosiglitazone ha suggerito che i suoi effetti sono altrettanto efficaci quanto il rosiglitazone.

Curcumina per il morbo di Alzheimer

Secondo diverse ricerche recenti, la curcumina è anche dimostrata come un ingrediente promettente nella malattia di Alzheimer. Poiché la curcumina può agire sulla barriera emato-encefalica per esercitare il suo effetto terapeutico, si ipotizza anche che possa inibire la formazione della placca amiloide. Sulla base dei risultati di uno studio, gli scienziati hanno già suggerito che l’insorgenza della malattia di Alzheimer tra gli anziani residenti in India, dove la polvere di curcuma viene regolarmente utilizzata nella maggior parte degli alimenti, è considerevolmente inferiore rispetto ai loro parenti occidentali.

Un altro studio sperimentale fatto per valutare l’efficacia della curcumina nella malattia di Alzheimer ha scoperto che la curcumina ha avuto successo nel ridurre i livelli di proteine beta-amiloide. Più interessante, secondo il risultato dello studio, è stato in grado di ridurre le dimensioni della placca accumulata fino al 30%.

Curcumina per la cura della pelle e la guarigione delle ferite

In India, fin dall’antichità, la radice di curcuma è stata utilizzata come agente per la cura della pelle e l’abbellimento. Tra gli indiani, c’è una credenza mitica che la curcuma illumina e affina la pelle. Sebbene dietro questo mito non ci siano basi scientifiche, molti studi hanno dimostrato che la curcumina incoraggia una riparazione più rapida della pelle e la guarigione delle ferite. Difende la pelle con il suo antinfiammatorio e rimuove i radicali liberi danneggiati con le sue proprietà antiossidanti. La curcumina ha anche trovato il progresso della densità vascolare e della deposizione di collagene nelle ferite.

No votes yet.
Please wait...